Romano dal Forno

Visualizzazione di 5 risultati

  • Romano dal Forno Valpolicella Recioto Vigna Seré 2003 - 0,375 l

    Romano dal Forno Valpolicella Recioto Vigna Seré 2003 – 0,375 l

    169,00
    Aggiungi al carrello
  • Romano dal Forno Valpolicella Recioto 1997 - 0,375 l

    Romano dal Forno Valpolicella Recioto 1997 – 0,375 l

    239,00
    Aggiungi al carrello
  • Romano Dal Forno Valpolicella Superiore Lodoletta 2003

    Romano Dal Forno Valpolicella Superiore Lodoletta 2003

    99,00
    Aggiungi al carrello
  • dal forno nettare 1995

    Romano dal Forno Vino da tavola bianco Nettare 1995 – 0,375 L

    229,00
    Aggiungi al carrello
  • Amarone del forno 2002

    Romano dal Forno Amarone Monte Lodoletta 2002

    349,00
    Aggiungi al carrello

Visualizzazione di 5 risultati

Azienda agricola Romano Dal Forno: vini pregiati di una cantina fiore all’occhiello della Valpolicella

Allievo dell’altro gigante dell’Amarone Giuseppe Quintarelli, Romano Dal Forno inizia a produrre il proprio vino a partire dalla vendemmia 1983. Da allora restano invariate la cura della vigna e l’attenzione per ogni fase del lavoro in cantina, alla quale si dice possano accedere solo i membri della famiglia. Il rispetto della tradizione legata alla produzione di un vino iconico come l’amarone, si sposa con un importante utilizzo delle tecnologie più moderne, nello sforzo di controllare le complesse fasi produttive del vino.

Romano Dal Forno: i metodi di produzione di Valpolicella, Amarone e Recioto che fanno parlare il mondo 

Romano Dal Forno, assieme ai tre figli Luca, Michele e Marco, produce tre vini, vere e proprie espressioni del territorio: il Valpolicella Superiore, l’Amarone della Valpolicella e il Vigna Serè.

Valpolicella Superiore Dal Forno Romano

Il Valpolicella Superiore Dal Forno Romano è ottenuto da uve Corvina, Corvina Grossa, Rondinella , Croatina e Oseleta. La vendemmia avviene tra settembre e la fine di ottobre, gli acini vengono controllati e selezionati a mano, al fine di scartare quelli imperfetti. L’uva riposa per un mese e mezzo in locali dotati di sistema di ventilazione all’avanguardia. Dopo una nuova selezione degli acini, a novembre si pigia. Il mosto fermenta per più di due settimane in vasche in acciaio innovative, con sistema di follatura automatica. Dopo la svinatura il vino decanta in acciaio per qualche giorno, per poi passare in piccole botti nuove per 24 mesi di affinamento.
A seguito dell’imbottigliamento il Valpolicella Superiore Romano dal Forno permane in cantina per altri 36 mesi. Note di vaniglia, piccoli frutti rossi, spezie dolci caratterizzano il Valpolicella, che si accompagna a carne rossa alla brace e brasata, e a formaggi stagionati.

Amarone Dal Forno Romano

Il mitico Amarone Dal Forno è prodotto con uve Corvina, Rondinella, Croatina e Oseleta da vitigni con più di 10 anni. Dopo la vendemmia e la selezione manuale dei grappoli e degli acini, l’uva appassisce per tre lunghi mesi in locali con innovativo sistema di ventilazione forzata. Dopo questo periodo avviene un’ulteriore selezione degli acini, cui segue a metà dicembre la pigiatura. La fermentazione, che dura quindici giorni, avviene in acciaio a 28°, con sistema automatico di follatura. Una volta terminata la decantazione in acciaio, l’Amarone passa in barrique nuove dove, grazie al residuo zuccherino, avviene una seconda fermentazione che si protrae per 18 mesi. La permanenza complessiva in legno è di 24 mesi, cui seguono 36 mesi di cantina dopo l’imbottigliamento. L’Amarone della Valpolicella di Romano Dal Forno si caratterizza per potenza, eleganza e complessità, con sentori di vaniglia, frutti rossi, cioccolato, per finire con note di tabacco e cuoio. Perfetto con la selvaggina, ma Romano consiglia di assaporarlo da solo.

Recioto Vigna Serè Dal Forno Romano

Unico nel suo genere, il recioto è un vino simbolo di Verona, e Dal Forno Romano eccelle nella produzione dello stesso.
Il Recioto Vigna Serè è prodotto solo in annate considerate eccezionali. Le uve sono Corvina, Rondinella, Croatina e Oseleta, con selezione manuale degli acini e appassimento di 4 mesi a ventilazione forzata. A gennaio avviene la pigiatura, dopo una ulteriore selezione manuale per eliminare gli acini avariatisi durante l’appassimento. La follatura è automatica durante la fermentazione di 15 giorni in acciaio a temperatura controllata, con macerazione finale di due giorni. Il vino, dopo la svinatura, decanta in acciaio per qualche giorno, e matura per 24 mesi in barriques nuove. Un ulteriore affinamento di 36 mesi precede la vendita del vino, che risulta straordinario per viscosità, dolcezza ed eleganza. Perfetto con i formaggi erborinati e il cioccolato fondente.